Confettura di kiwi

Confettura di kiwi

Dopo averli lavati e sbucciati affettate i kiwi e poneteli su una pentola aggiungendo lo zucchero ed il succo di limone, fate bollire il composto per circa un ora sempre a fiamma bassa e mescolando per bene.

Dopo averli lavati e sbucciati affettate i kiwi e poneteli su una pentola aggiungendo lo zucchero ed il succo di limone, fate bollire il composto per circa un ora sempre a fiamma bassa e mescolando per bene.

Appena il composto ha raggiunto la giusta consistenza – fate la prova mettendone un cucchiaino su un piatto per vedere se cola – riempite i vasetti di vetro dopo averli ben sterilizzati. Chiudeteli e capovolgetevi per creare il sottovuoto.



Ingredienti:

  • 1 kg di kiwi
  • 300 gr di zucchero
  • 1 limone

Il kiwi o kivi è una bacca commestibile, prodotta da numerose specie di liane del genere Actinidia, famiglia delle Actinidiaceae.

 

Le due principali varietà di questa bacca sono: la verde e la gialla (o gold). La prima, la più diffusa, ha la buccia marrone scuro con pelucchi e la polpa verde brillante, semi piccoli e neri disposti a raggiera intorno al centro della bacca, la forma è simile ad un uovo o ad una piccola patata. La varietà gold ha forma più allungata, la polpa è gialla e non ha pelucchi sulla buccia. Esistono altre varietà, ma sono poco diffuse, come ad esempio il kiwi con la polpa rossa e la buccia color mattone.

 

Questo frutto ha un sapore acidulo, ma gustoso e rinfrescante; lo si può mangiare tagliandolo a metà e scavandolo con un cucchiaino, come un gelato, oppure a fette sottili con l’aggiunta di zucchero, se si preferisce, per addolcirlo un po’. È ottimo anche con la macedonia o sugli spiedini di frutta.

 

La pianta da cui deriva il frutto è l’Actinidia deliciosa (sin. Actinidia chinensis), sebbene numerose tipologie di questo frutto siano prodotte da altre coltivazioni o da altre specie di piante, come l’Actinidia kolomikta e soprattutto l’Actinidia arguta (il cosiddetto “mini kiwi”, caratterizzato da frutto piccolo e buccia liscia).

Fonte: Wikipedia

Ricette simili

(Visited 23 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fantasia in Cucina © 2016 Frontier Theme
Close